Come dicevano i nostri nonni 4

Niente nonni in questa pagina, ma gli zii di Roberta SANTOLI
 
A B CD
E F G H
I J L M

N O P Q R

S T U V Z
N comme Napule

01) ‘Na mana lava l’ata e tutt’ ‘e doje lavano ‘a faccia!
Bisogna aiutarsi a vicenda.

02) ‘Nce ha chiavato chill’aglio arreto!
Danneggiare qualcuno.
03) ‘Nce vo’ pacienza a magnà ‘e carcioffole!
Le cose piacevoli sono difficili da raggiungere: ci vuole pazienza e tenacia.
04) ‘Ncopp’ a l’evera moscia ognuno sè struje ‘o culo!
Ognuno approfitta della bontà altrui.

05) ‘Ncopp’ ‘o morto sè canta l’assequia!
E’ tempo perso piangere sul latte versato.

06) ‘Nu ‘nturzà ‘o mazzariello!
E’ tipico dei ragazzi giovani.

07) Nun c’è mela senza mosche!
Dove c’è una bella donna c’è sempre un nugolo di corteggiatori.

08) Nun tè fidà manco d’ ‘a pettola d’ ‘a cammisa!
Non fidarti di nessuno, nemmeno degli abiti che indossi!

09) Nun te piglià tanti cane ‘a pettenà!
Non prenderti tanti incarichi fastidiosi!

10) ‘Nu pollece cecaje ‘n’uocchie a ‘n’elefante!
Anche una persona dappoco può dar fastidio ad un uomo importante!
O comme Ommene
01) ‘O viecchio guarda ‘o nuovo!
Le cose vecchie salvano le nuove.
02) ‘O chiù bunariello tene ‘a guallera e ‘o scartiello!
Sono uno peggiore dell’altro!
03) ‘O culo che nun ha maje visto ‘a cammina quanno ‘a vera sè schiatta ‘e rise!
Chi non ha mai posseduto oggetti di lusso non sa neanche apprezzarli.
04) ‘O facett’ abballà ‘ncopp’ ‘o cerasiello!
Gli ho fatto prendere un bello spavento!
05) Ogni altare tene ‘na croce!
Tutti hanno dei problemi.
06) Ogni capa è ‘nu tribunale!
Ognuno giudica secondo il suo punto di vista.
07) Ogni strunzo have ‘o fummo suojo!
Ognuno ha il suo carattere!

08) ‘O mollo rompe ‘o tuosto!
La dolcezza sconfigge la durezza.

09) ‘O pastore che vanta ‘o lupo nun vo’ bene ‘e pecure!
Chi sta dalla parte dei malvagi non può essere amico dei deboli.

10) ‘O pirchio le pare cà ‘o culo l’arrobba ‘a cammina!
Gli avari hanno sempre paura che qualcuno li vuole derubare.
P comme Penzame
01) Pane e caso, ma nun dicere ‘e fatt’ d’ ‘a casa!
Mangia frugalmente ma non raccontare le tue difficoltà finanziarie.
02) Panzella sotto‘e purtusillo ‘ncopp’!
Mettersi a pancia sotto.
03) Pare cà s’ ‘o zucano ‘e scarrafun’!
E’ così deperito che si direbbe che se lo rosicchiano gli scarafaggi.
04) Pare cà tene ‘nu strunzo appiso ‘nculo!
Si dice di persona che cammina a gambe larghe.
05) Pare ‘nu nureco ‘e fune!
Si dice di persona di bassa statura.
06) Parla c’ ‘o chiummo e c’ ‘o cumpasso!
Parlare con precisione e decisione.
07) Piglia ‘e sputazze pe’ munete argiento!
Sbagliare di grosso.
08) Po’ dice cà l’asteco chiove e ‘a casa scorre!
Poi si lamenta che non gliene va bene una.
09) Pure ‘nu caucio ‘nculo fa fa’ ‘nu passo annanze!
Ci sono tanti modi per andare avanti nella vita: la raccomandazione è la più diffusa.
10) Pure ‘o cazzo è pizzerillo e po’ se fa’ gruosso!
Le cose, gli affari, gli impegni man mano diventano sempre più grossi.
Q comme Quagliare
01) Quanno ‘a caurala volle, vuttece subbeto ‘e maccarune!
Negli affari e in amore bisogna saper cogliere il momento opportuno.
02) Quanno care ‘o ciuccio cè levammo ‘e fierr’!
Si entra in possesso dell’eredità dopo la morte del parente.

03) Quanno ‘e perzo l’omme, ‘e perzo ‘o nomme!
Quando una donna perde il marito, perde il nome, perde tutto.

04) Quanno nun è arta vosta jate a fa’ ‘nculo ‘e mamme voste!
Non si può pretendere di saper fare un lavoro se non si è specialista.
05) Quanno ‘o cavallo te chiava ‘nu caucio ‘o può maje taglià ‘a coscia?
Ad una persona cara che ti combina un pasticcio, non puoi ammazzarla di botte.

06) Quanno ‘o culo cant’ ‘a casa va avant’!
Quando si gode di buona salute, l’andamento socio-economico funziona alla perfezione.

07) Quanno ‘o grasso è ghiuto ‘o core: o sè taglia o sè more!
Quando una persona si è presa molta confidenza non resta altro da fare che allontanarla

08) Quanno ‘o mellone esce russo, ognuno né vo’ ‘na fella!
Quando un affare va bene tutti vogliono parteciparvi.
09) Quanno ‘o vino è doce sé fa’ chiù forte acito!
Le persone miti quando perdono la pazienza sono più pericolose delle altre.

10) Quanno tè miett’ ‘ncopp’ a doje selle, vaje a fernì c’ ‘o culo pe’ terra!
Il doppio gioco è sempre pericoloso

11) Quanno trasite, salutate, quanno ascite, faciteve è cazz vuostr... .................................................................................. Quando entrate, salutate, dopo esservene andati, parlate solo dei vostri problemi...

R comme Rusecare
01) Rafaniè, fatte accattà ‘a chi nun te sape!
Va da chi non ti conosce! Con me non farai più affari.
02) Recchia deritta: core afflitt0! Recchia manca: core franco!
Se ti fischia l’orecchio destro è cattivo segno, se è quello sinistro ti attende qualcosa di piacevole.
03) Refonnerce tierzo e capitale!
Perdere il capitale e gli interessi.
04) Reritto, reritto ‘nculo a masto Beneritto!
Si dice quando una cosa si è rivolta in danno di una persona che non c’entra affatto.
05) Rimme a chi sì figlio e tè rico a chi assumigl’!
Di solito i figli somigliano ai genitori.
06) Ricette ‘o pilo d’ ‘o culo: cà all’urdeme mò vulisse mettere ‘nculo?
Dì un po’, non hai mica intenzione di prendermi per scemo?
07) Ricette ‘o rancio: chi nasce stuorto nun po’ cammenà deritto!
Chi ha una cattiva indole non potrà mai rigare dritto.
08) Risponnere a maneca ‘e ‘mbrello!
Rispondere a casaccio, senza alcun nesso logico.
09) Robba ‘e magnatorio nun sé porta a cunfessorio!
I peccati di gola non vale la pena confessarli.
10) Rispetta ‘o cane p’ ‘o padrone!
Essere gentile con il figlio per rispetto del padre.