Come dicevano i nostri nonni 3
Carlo Muccio e nonno Savino, i nonni di Carletto...
A B CD
E F G H
I J L M
N O P Q R
S T U V Z
I comme ‘Int

01) Iere facive ‘o guappo a mare e mò faje ‘o strunzo ‘int’ ‘a spasella!
Ieri ti davi tante arie, ora sei li immobile!

02) Io me magno ‘e mele acevere e a te s’alliano ‘e diente?
Io mi sacrifico e tu ti senti male?
03) I figli so’ piezz’ ‘e core!
I figli sono una parte di noi stessi!
04) Io me chiammo Vicienzo e a ‘i fess’ nun ‘e dong’ audienz’!
Io non ho tempo da perdere con gli scemi!

05) Io me chiammo Cannavaccio e nun mè ‘ntrico e nun mè ‘mpaccio!
Io non mi interesso dei fatti altrui!

06) Io nun tè faccio mancà ‘o latte ‘e furmicola!
Non ti faccio mancare niente, ti procuro tutto ciò che vuoi!

07) ‘Int’ ‘a vocca chiusa nun trasene mosche!
Meglio tacere che dire stupidaggini.

08) I deritt’ moreno p’ ‘e mane d’ ‘e fessi!
Talvolta gli uomini intelligenti vengono sopraffatti dagli stupidi.

09) Irsene cù ‘na mana annanz’ e ‘n’ata arreto!
Andarsene senza guadagnarci niente.

10) ‘I strunz’ sagliene sempe a galla!
Gli stupidi riescono sempre a farsi notare.
J comme Jammo
01) Jennaro? ‘O purpo ‘int’ ‘o panaro!
Gennaro è un tipo soggetto …
02) J’ a fa’ ‘o battesimo senza ‘a criatura!
Avviarsi a fare qualcosa senza gli arnesi o le persone giuste.
03) J’ cù ‘e pezze ‘nculo!
Essere in miseria, andare in giro con le toppe nei pantaloni.
04) J’ a fernì cù ‘a capa ‘int’ ‘a cascetta!
Essere intrappolato.
05) J’ facenne zite e murticiell’!
Si dice di chi sta sempre in giro a casa degli altri per feste o funerali.
06) J’ mettenne ‘e recchie p’ ‘e senghetelle!
Origliare dietro le porte, stare sempre ad ascoltare di nascosto ciò che dicono gli altri.

07) J’ truvanno ciaranfe!
Cercar pretesti per litigare

08) J’ mettenne prete a ‘i ponte!
Fare pettegolezzi.

09) J’ truvanno ‘o cocco ammunnato e buono!
Aspettare che gli altri facciano il lavoro per te.

10) J’ truvanno a Cristo da’ ‘int’ ‘e lupin’.!
Trovare difficoltà, fare il pignolo.
L comme Luna
01) L’occasione è scola p’ ‘a forca!
L’occasione rende l’uomo ladro.
02) L’accio senza acqua sè secca!
Qualsiasi cosa ha bisogno di nutrimento.
03) L’acqua corre addò penne!
Il denaro corre da chi già ne ha.
04) Lengua muta è male servuta!
Chi non parla è servito male.
05) La panza è dè pellecchia: ‘nzo che ‘nce miette sè stennerecchia!
La pancia è di pelle: più la riempi più si dilata.
06) L’aute sè magnano ‘e mele aitanelle e io mè gelo ‘e dient’!
Gli altri godono ed io non posso approfittare della situazione.
07) Levà ‘a coppola ‘o zelluso!
Togliere a qualcuno una cosa necessaria per offenderlo.
08) Levammo ‘a frasca!
Facciamola finita!
09) Loco te voglio, zuoppo, ‘ncopp’ a ‘sta sagliuta!
Ora vedremo cosa sai fare!
10) L’omme pe’ natura guarda sempe ‘e zizze ‘a femmena pe’ difett’ guarda sempe ‘a vrachetta!
L’uomo per sua natura, senza far niente di male, guarda sempre gli attributi femminili,se la donna guarda quelli maschili è cosa vergognosa.
11) L'uocchie do ' padrone 'ngrassa 'o cavallo"
Se vuoi tutelare i tuoi beni, controllateli tu
M comme Mammà
01) Maccarone senza pertuso!
Si dice di uno sciocco.
02) Magnarse ‘e maccarune!
Capire l’antifona.

03) Meglio ‘nu quintale ‘ncapo che ‘n’onza ‘nculo!
E’ meglio sopportare il peso di un quintale addosso, che ricevere un piccolo peso altrove!

04) M’ hè rutto ‘e giarretelle!
Mi hai rotto gli zebedei!
05) Menà acqua santa ‘e muorte!
Fare una cosa inutile.

06) Mè pare ‘na papera guallarosa!
Si dice di una donna bassa e grassa.

07) Mè staje abbuffanno ‘e zeppule ‘e viento!
Stai trovando tante scuse, mi stai facendo promesse vane!

08) Mettere ‘o pepe ‘nculo ‘a zoccola!
Sobillare qualcuno, inculcargli idee pericolose!
09) Metterse ‘o cappotto ‘e lignamme!
Essere messo nella bara.
10) Mò mò, m’‘e l’aggio lavata, ‘a tengo riccia, riccia comme ‘na ‘ncappucciata!
Proposta oscena di una prostituta.