Come dicevano i nostri nonni 1

I proverbi ed i modi di dire sono la saggezza dei popoli, e non fanno eccezione gli Aversani, Napoletani per lingua e cultura. Ma come parlavano i nostri nonni, che proverbi inserivano nei loro discorsi, seri o scherzosi? Eccovene oltre 226, raccolti da Carlo Muccio per la maggior parte, e Salvatore di Grazia per il resto, e inseriti in ordine alfabetico: nulla impedisce di inserirne altri, se li recuperiamo da qualche parte o ce li fate conoscere.
Luigi di Grazia con 8 dei 10 figli (1944) e Salvatore Comparone, i nonni di Salvatore di Grazia
ABCD
E F G H
J I L M
N O P Q R
S T U V Z
A comme Ammore
01) All’altare sgarrupato nun s’appicciano cannele! - Sugli altari distrutti non si accendono candele!
Non si anela l’amicizia di un povero oppure non si corteggiano le donne brutte.
02) ‘A bona campana sè sente ‘a luntana! Il suono di una buona campana si sente da molto lontano!
Quando una persona è in gamba non si tarda ad accorgersene.
03) Accire chiù ’a lengua che ‘na schiuppettata!
Le critiche fanno più male di una fucilata.
04) ‘A creanza fuje accisa da’ ‘e male pavatore!
Il credito fu ucciso dai cattivi pagatori.
05) A ommeno rattuso e a parulano chello cà feteno song’ ‘e mane!
All’uomo pomicione e all’ortolano puzzano le mani.
06) A piscià sempe ‘int’ ‘o stesso pertuso ‘nce fete!
E’ dannoso chiedere piaceri o disturbare sempre la stessa persona.
07) Astipate ‘o milo pe’ quanno te vene ‘a sete!
Conserva per quando ne avrai bisogno.
08) ‘A tant’anni è muorto Pietro e mò t’adduone d’ ‘o fieto?
E’ trascorso tanto tempo, ora te ne accorgi?
09) Attacca ‘o ciuccio addò vo’ ‘o padrone!
Fai come ti dicono di fare anche se lo ritieni sbagliato.
10) ‘A vrachetta nun cunosce rispetto!
In amore non si ha rispetto per nessuno
11) 'A cannelora: state è dinto vierne è fore! Ma risponne San Biase: vierne mò trase
La primavera ad Aversa è alle porte
12) Annunziata 'à marenna è guaragnata
Il piacere di fare merenda
12) A Pasca ò vestito, à Natale 'o sfrido
I bisogni dell'uomo
13) Acqua é Giugno arruvina ò munno
Il fallimento del desiderio
14) Ammaculata, Cuncetta, Natale diciasette, ma se meglio 'e saje cuntà so sirece e non riciasette
I conti, farli bene
B comme Bambulella
01) Bannera vecchia annore ‘e capitanio!
Bandiera vecchia onor di capitano.
02) Bella tavernara, cunto caro!
Bella locandiera, conto caro.
03) Bisogna aiutarse a cauce e a muorze!
Nella vita bisogna darsi da fare.
04) Biato chi tene ‘a cacarella senza freva!
La diarrea senza febbre è un bene non un male.
05) Bona maretata né socra né carnata!
Per essere felicemente sposati non bisogna avere né suocera né cognata.
06) Bisogna fa’ ‘o pireto pe’ quanno ruosso è ‘o culo!
Bisogna spendere quel che ci si può permettere.
07) Bona paglia fino a juorno tene!
Le cose di qualità hanno lunga durata.
08) Brutto dè faccia e bello dè core!
Brutto di faccia ma buono dentro.
09) Bongiorno ‘e frasche!
Per dire che non risponde nessuno, si salutano le foglie.
10) Buono! – Ricette chillo – Chi pecora se fa lupo s’ ‘o magna!
Chi cede troppo finirà col subire gli abusi dei prepotenti.
C comme Canzone
01) Cadute, catarro e cacarelle so’ e tre malann’ dè vicchiarelle!
Cadute, raffreddori e diarree sono malanni per i vecchietti.
02) Che have a che fa’ ‘o cazzo cò matarazzo?
Che centra questo con l’argomento di cui si sta parlando?
03) Chello che fa’ ‘a mana deritta nun l’hadda sapè ‘a mana storta!
Bisogna fare le cose con assoluta segretezza.
04) Chesto e niente so’ pariente!
Ciò che mi dai è meno di niente.
05) Chi accatta ‘sprezza, chi ha accattato apprezza!
Chi deve acquistare disprezza per risparmiare, dopo l’acquisto, poiché l’oggetto è suo, lo rivaluta.
06) Chi agliotta fele nun po’ sputà mele!
Chi riceve scortesie e dispiaceri non può mostrarsi cortese e disponibile.
07) Chiavate ‘a lengua ‘nculo!
Come ti permetti di parlare in questo modo!.
08) Chi guverna ‘a robba ‘e l’ate nun sè cocca senza cena!
Chi amministra le ricchezze altrui nun si corica senza aver cenato.
09) Chi piscia contro viento se ‘nfonne!
Ad andare contro corrente ci si rimette.
10) Chi sè cocca cù ‘e criature sè sose ‘nfuso!
Chi si affianca a persone di cui non ci si può fidare può avere brutte sorprese.
11) Cesa, Sant'Antim e Melit, nisciuna femmena è pulita!
Le donne di Cesa, di Sant'Antimo e di Melito non sono oneste!
12) Chi sona 'o sische và a Bari
I meritevelo sono premiati
13) Cumpà ò purtate ò siscariello 'ò guaglione?
14) Chi Austo nun se vestuto è stato malu consigliato
Con l'arrivo delle prime pioggie di Agosto l'estare è terminata
15) Cavall' jastemmato nun more maje
Se vuoi la morte di qualcuno non la otterrai mai
D comme Devuzione

01) Da amice e da pariente nun ce accattà e nun ce vennere niente!
Meglio non trattare affari con amici e parenti se si vuole conservare il loro affetto.

02) Da cà a dimane nascene cient’ papi!
Fino a domani c’è tutto il tempo necessario per ciò che si deve fare.
03) Da’ ‘na botta ‘o chirchio e ‘n’ata ‘o tumpagno!
Cercare di accontentare sia l’uno che l’altro contendente.
04) Darse ‘a zappa ‘ncopp’ ‘e piere!
Tradirsi dimenticando una bugia detta in precedenza.
05) Da’ ‘a zizza pe’ ghionta!
Dare pochissimo in più spacciandolo per tanto.
06) Dicette ‘a zia Menechella: è sempe bona ‘na grattatela!
Per scongiuro è sempre bene grattarsi in un determinato posto.
07) Dicette ‘Maculata: ‘a cainata è ‘a scummatura d’ ‘a pignata!
La cognata è come la schiuma del brodo, meglio buttarla via.
08) Dicette ‘o pàppece ‘nfaccia ‘a noce: damme tiempo cà pure te spertoso!
Con una paziente opera di convincimento anche un essere infinitesimale può riuscire nel suo intento.
09) Dicette Pullecenella: ‘a cà me trase e p’ ‘o culo mè esce!
Si dice di chi non assimila persuasioni.
10) Dopp’ ‘a strazione ogni fesso è prufessore!
Dopo conosciuto il risultato di un avvenimento è facile atteggiarsi a maestri.