Come dicevano i nostri nonni 5

Ultima pagina dedicata ai proverbi, che chiudiamo con una foto di sole donne, con Anna "à barunessa" in posa con 3 delle 4 figlie, in pratica il ramo femminile della famiglia Comparone di via Rainulfo Drengot 47 scattata nell'Anno di Grazia, o del Salvatore, 1948...

 

A B CD
E F G H
I J L M

N O P Q R

S T U V Z
 
S comme Sole

01) San Giuseppe ‘nce ha passato ‘a chianozza!
Si dice di donna piallata sul davanti ovvero con poco seno.

02) S’appiccecano ‘e vajasse e sé sciaravogliano ‘e matasse!
Quando le comari litigano si vengono a sapere molte verità sino allora nascoste.

03) Scarpare e cuseture fanno riebbete a cazzi ‘nculo!
I calzolai e i sarti sono sempre pieni di debiti.
04) S’è aunito ‘o strummolo, ‘a tiritappola e ‘a funicella corta!
Non ne è andata una bene, vi sono state tutte le contrarietà possibili.

05) Sé fa’ notte e mariteme nun s’atterra!
Qui si perde tempo ed io non vedo l’ora di finirla!

06) Sè magnano ‘e menniccole cù ’a spingola!
Si dice di una famiglia nella quale per avarizia si mangia pochissimo.

07) Sé n’è perduta ‘a semmenta!
Non esistono più persone di una certa importanza.

08) Sì ‘e cornuti putessero vulà ‘o sole nun ascesse maje!
Se i cornuti potessero volare il sole verrebbe oscurato per l’elevato numero.

09) Sì ‘nu puorco t’arrecchisce, ‘nu figlio t’appezzentisce!
Meglio crescere maiali che figli: i maiali quando li vendi ti arricchiscono mentre i figli ti mandano in miseria.

10) So’ muorti chilli mast’ che facevano chelli catast’!
Non esistono più uomini in gamba.
11) Si Marzo se 'ngrogna te fa carè è dete cu tutte l'ogne, se se 'ngrife te fa luvà pure a cammisa
Sono le incertezze delle stagioni
12) Sant'Anna, Sant'Anna è passato nat'anno e quanno mo manne?
L'attesa per un desiderio
13) Sì comm'è castagne é Muntevergine, poco, fute e fracite!
Si è solo apparenza, nulla di sostanza!
14) Si nun surogni o cavallo, o cavallo nun cammina
Se non dai i soldi sottobanco, non ottieni quello che vuoi
T comme Tavuto
01) T’aggia fa’ cacà dint’ ‘a ‘n’agliara!
Ci penserò io a metterti in riga!
02) Tene ‘a morta ‘ncopp’ ‘o cuzzetto!
Essere in pericolo di morte.
03) Tene ‘a zeppola ‘mocca!
Avere la pronuncia blesa.
04) Tene ‘e lappese a quadriglie!
Avere molte preoccupazioni, essere soprappensiero.
05) Tene ‘na mana ‘a fa’ zeppole!
Si dice di persona abile ad imbrogliare il prossimo.
06) Tisiche e pazze venene ‘e razza!
Alcune malattie sono ereditarie, come la pazzia.
07) Tra mastu Francisco e ‘o bancariello nun sé sape chi a fatto ‘o fieto!
Nessuno vuole prendersi la colpa di un fatto accaduto.

08) Tre cose guarda ‘o miereco: ‘o puzo, ‘a faccia e ‘o cantaro!
Tre cose osserva il medico: il polso, l’aspetto e le feci.

09) Truvà ‘na pezza a culore!
Trovare una scusa.

10) Tu mè sierve ‘e mucco e io tè servo ‘e sputazza!
Come agisci tu nei miei confronti, così agirò io nei tuoi.

11) Te magnate è rote è Sant'Anna
Sei uno spendaccione, hai le mani bucate
U comme Uocchie
.01) ‘U meglio mast’ ‘e chillo cà porta ‘e sorde ‘a casa!
Il migliore artigiano non è quello più bravo in senso assoluto ma è colui che guadagna bene.
02) ‘U munno è chillo cà tien’ ‘ncapo!
La visione del mondo è soggettiva: ognuno lo vede secondo il proprio punto di vista.

03) Una pe’ vevere ‘n’ata pe’ sciacquà!
Rimproverare duramente una persona rinfacciandole le sue colpe.

04) Un figlio, cient’ figli!
Un figlio solo da le stesse preoccupazioni di cento figli.
05) Uocchie ‘e pesce addò guarda cresce!
Gli occhi di pesce portano bene (o è la solita oscenità?)
06) Uosso tuosto ‘a scurtecà!
Si dice di uomo duro, che non si commuove facilmente e che non molla.
07) Uovo ‘e ‘n’ora, pane ‘e ‘nu juorno, vino ‘e ‘n’anno e guagliona ‘e quinnece anne!
Le uova devono essere più fresche possibile, il pane casereccio è buono il giorno dopo, il vino raggiunge il suo maggiore fragore dopo un anno e la donna deve essere giovane.
08) ‘U palazzo è auto e ‘a signora è sorda!
Si dice quando una persona fa finta di non sentire dandosi arie.
09) ‘U rialo ‘e Berta a nepota: arrapette ‘a cascia e le dette ‘na noce!
Si dice di un regalo di minimo valore atteso a lungo.

10) ‘U rutto porta ‘o sano!
La furberia vince la forza.

V comme Vucchella
01) Vale chiù ‘nu buono nomme cà ‘na massaria!
Una buona nomea rappresenta una inestimabile ricchezza.
02) Vaco pe’ culo e trovo ‘nu cazzo!
Vado alla ricerca di una cosa o di qualcuno e invece chi trovo?

03) Vaco pe’ mè fa’ ‘a croce e mè ceco l’uocchie!
Anche quando voglio fare una cosa buona combino guai

04) Vale chiù ‘na bella fessa cà cient’ cuoppe allessa.!
Attrae di più il sesso di una donna che cento coppetti di castagne lesse.
05) Vale ‘na vranca ‘e lupin’!
Si dice di una cosa di scarsissimo valore commerciale.

06) Vattenne, ‘mbrellino ‘e seta!
Vuoi atteggiarti a raffinata proprio con me che sono a conoscenza di quanto vali?

07) Vedè ’ a mala parata!
Rendersi conto che il momento non è dei migliori per cui conviene squagliarsela.

08) Vene vierno p’ ‘e male vestut’!
Arriva il momento di bisogno per chi non possiede nulla.
09) Vizio ‘e natura ’nfino a morte dura!
E’ difficile cambiare quando si è schiavi di un vizio.

10) Vo’ ‘i ‘mparaviso cù ’e zuoccole ‘e cù ‘a cammisa!
Non è possibile ricevere nulla senza sacrificio, non si può ottenere la ricchezza senza lavorare sodo

11) Và truvanne a Cristo rint'è lupine
Sta cercando il pelo nell'uovo
Z comme Zucculona
01) Zappa dint’ ‘a terra soja!
Lavorare per il proprio interesse.
02) Zitella, tien’ cà tè vene ‘a sciorta ‘nfino ‘e pier’!
Non bisogna avvilirsi prima o poi la fortuna arriverà per tutti.
03) Zite e murticiell’ và truvann0 ‘o parrucchiano ‘e Sant’Aniell’!
Alcune persone colgono tutte le occasioni per recarsi a casa altrui.
04) Zitto chi sape ‘o juoco!
Taccia chi conosce il trucco!
05) Zitto zitto ‘miezz’ ‘o mercato!
Non volevi parlare e invece l’ hai fatta in barba a tutti.
06) Zompa chi po’! Dicette ‘o ranauottolo.
Chi non può permettersi determinate cose stia solo a guardare.
07) Zucà a doje zizze!
Guadagnare da due parti contemporaneamente.
08) Zucatore ‘e fistole!
Si dice di una sanguisuga o di uno scocciatore.
09) Zompa dà l’asteco ‘a fenesta!
Cadere dalla padella alla brace.
10) Zompa ‘o fuosso!
Prendere una decisione definitiva e importante
Un grazie a Carlo Muccio per la ricerca e la classificazione del 90% dei proverbi riportati..