Litanie e credenze popolari
Nonna Niculina e nonna 'Ngiulina... Scongiuri nei temporali estivi, nel periodo Pasquale, per togliere le parastesie ai piedi, zitelle che cercano marito... C'è di tutto in questa pagina, la secolare credenza del "popolo vascio" messo di fronte ad eventi o situazioni dalle quali poteva uscirne col solo modo che aveva, la preghiera ed i riti associati ad essa, spesso di remota origine pre-cristaiana...
 
Durante i temporali estivi...
 
Nel periodo Pasquale..
In caso di temporale improvviso o di "trubbeie" (temporali estivi con trombe d'aria) le contadine al lavoro nei campi, rifugiatesi sotto le "carrette", lanciavano contro il cielo un chicco di grano, recitavano la litania... e il temporale si placava.
  Questa litania andava recitata durante il periodo della Santa Pasqua, ma nonna Nicolina le recitava ogni sera, Pasqua o non Pasqua, a conclusione delle sue preghiere.

Padre Nostro, Sant’è oro’ e
Maria l’angel’ 'e oro.
E Maria se suseva,
à pier dò Figlio se metteva,
Figlio mio che m'aggia sunnato,

a monte Calvario t'hanno purtato,
nà curona e oro t’anna luvata,
na curona e spine t’anna mettuto n ‘capa-
Mamma mia chesta nun è bugia,
ma è à verità.
Chi o dice tre vote ò juorn nun tene
à paura de male juorn
Chi ò dice tre vote à notte
nun tene à paure è na mala morte,
Chi ò dice tre vote addà campà
senz’à paure de tuone e de lamp,
Tuone e lamp fatt’ à rassa,
chest' è a casa 'e Sant'Sasso,
Sant’ Sasso e Sant’ Simon,
chest' è a casa e Nostro Signore;
Nostro Signor, miezz'ò campo,
dice libero a tutt quant,
a chille che vanno
n'ciel, n'terra e mare...



Verbo Dio, verbo Dio,
Verbo si chiamm'ò figlie è Dio
Quardate chella croce quant è bell,
Sta pè nu braccie 'n'ciel e nat n’terra
Quanno sentimm à Santa Trumbett’
Tutt’ tremmamm’ comm fogli'e carte
Passa San Giuann cu nu libr é oro man,
e va ricenne é peccator e peccatrice
Chi sape lu verbo é Dio che se lo dice
Chi nun o sape se l’adda m'parà
Pè pene e cu tormenta se l’adda m'parà
Chi nun so vo m'parà pè sette vote a
lengua dint'o fuoco addà passà

Per togliere le parestesie a mani e piedi


Scetate, scetate per'
che l’ Angel mò’ vene
Vene cu 'o curtulluccio
e te fà felluccie felluccie

 
Credenza popolare: à morta cu ò vestito 'e sposa
Quando andavano al cimitero di Aversa per visitare i morti, nonna Niculina portava il nipotino a vedere la tomba dove era stata sepolta una donna nubile con il proprio abito da nozze, giacché la morte l'aveva colta che era prossima al matrimonio, e gli diceva che lì si recavano "è giovani zitelle e Averz pè truvà marit"
(Ricordi di Nonna Niculina raccontate al nipote Luigi Marino)
Una filastrocca per chi non onorava i debiti come la diceva nonna 'Ngiulina

O' FATT DE' 12 SORD
Nun fuì che t'aggio visto
Nun giurà che nun te crero
Damme é dudece sord
do mentrecchie e zì Nennella
(Filastrocca di Nonna 'Ngiulina raccontata al nipote Luigi Cipullo)
Fonte: Dott. Luigi Marino, Luigi Cipullo Adattamento grafico di Salvatore di Grazia ©2008-2012-13 www.aversalenostreradici.com