"Fuori Sant'Anna"
 
-La chiesa di Sant'Anna costruita adiacente alle mura, e poi inglobata in essa a seguito della costruzione del "Conservatorio di zitelle" ha dato il nome ad una specifica zona di Aversa, molto ampia e popolata. Allora, oltre le mura, c'era solo qualche casolare, e tanta boscaglia. Fu dunque necessario, a chi ci viveva, dire che abitava "fuori Sant'Anna" (fora Sant'Anna), cioè oltre le mura ed in prossimità della chiesa della Santa, per essere rintracciabile.
Col tempo la zona "fuori San'Anna" si popolò, e lo slargo davanti alla chiesa, alla fine della attuale Via Presidio, prese il nome di Piazza Sant'Anna, cambiato poi in Piazza Francesco Crispi e quello alle sue spalle, in Piazza Magenta.
E proprio "fuori sant'Anna" la città ebbe la sua stazione filo-tramviaria che l'ha collegata a Napoli per circa un secolo.

1

 

2
Nelle 2 cartoline è visibile l'attuale piazza Magenta (più che altro un vialone) che partendo da "fuori Sant'Anna" (1), termina (2) col quartiere Lemitone, via Roma, ed il centro .cittadino. Notare sulla #2 i binari del tram che da"fuori Sant'Anna" portavano a Napoli.

."Aversa-Piazza Francesco Crispi (Stazione dei Tram)" .

...Dire "vado fuori Sant'Anna" voleva dire anche vado a Napoli, ed ovviamente la Stazione dei tram .era un luogo adatto alle foto da cartolina, e in effetti molte di esse raffigurano la Stazione, e per ."indotto" anche gli importanti edifici storici che la circondavano. Per "fuori Sant'anna non ho trovato che cartoline della stazione dei tram, ma è normale perché oltre alla chiesa e all'ottocentesco Convitto di Sant'Agostino, non c'era altro.

 

Piazza Crispi, cioè "fuori Sant'Anna", ripresa dal basso e dall'alto. La piazza e la stazione stessa hanno avuto molti rifacimenti, (notate le due facciate diverse della stazione), nuovi palazzi sono sorti tutto intorno, ma il profilo sul fondo (il Convitto di Sant'Agostino) è rimasto inalterato, come pure la planimetria della piazza.

 

...Altre due cartoline della piazza, con ripresa dal basso, chiaramente di epoche differenti. Anche nella cartolina di destra, come quella in alto a sinistra,si nota il muro della chiesa di Sant'Anna, e questa è una caratteristica di quasi tutte le cartoline del quartiere..
 
 
 

 

"fuori Sant'Anna" oggi, vista dalla parte opposta, cioè dal Convitto di Sant'Agostino. La zona è completamente cambiata, nuovi palazzi, altri completamente ristrutturati, traffico spesso caotico a causa del suo eterno ruolo di punto di smistamento di direttrici interne ed esterne.Sulla sinistra, immutabile, il muro esterno della chiesa, da dove la Santa continua a vegliare da secoli sul suo quartiere.

(Foto GGVerde/ViaOvidio.it)

 
Non conosco gli editori delle cartoline